Umbrialibri a Terni. Magrelli, Sinatti, la ricostruzione di Norcia e tante novità editoriali umbre per due giorni tutti “da leggere”

Dopo l’anteprima di giovedì 18 ottobre con Lia Levi, Roberto Cotroneo, Aurelio Picca e Filippo La Porta, entra nel vivo venerdì 19 ottobre Umbrialibri a Terni, negli spazi della bct – Biblioteca comunale Terni. La rassegna editoriale, promossa dalla regione Umbria e giunta quest’anno alla sua XXIV edizione, prosegue con altri incontri con autori di primo piano del panorama culturale italiano. Tra gli appuntamenti da ricordare della seconda giornata, venerdì alle 16.30 verrà presentato con gli autori il libro Aicron – Storie di una ricostruzione fantastica, di Chiara Carminati, Beatrice Masini, Giusi Quarenghi, Anna Sarfatti, Bruno Tognolini (Edizioni Solferino): AICRON è Norcia al contrario, ricostruita secondo i desideri, la fantasia e la volontà di andare avanti dei suoi giovani abitanti. Il libro è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus e nasce dai materiali dei laboratori tenuti a fine marzo 2017 nella scuola primaria di Norcia De Gasperi – Battaglia, edificio ricostruito dalla stessa Fondazione dopo il sisma del 2016 e consegnato alla comunità a meno di un anno dalle prime scosse. Sempre venerdì, alle 21, il reading con Valerio Magrelli, che leggerà Millennium poetry. Viaggio sentimentale nella poesia italiana (Emons). Introduce Andrea Giuli.
Nella giornata conclusiva di sabato 20 ottobre, ancora tanti incontri e presentazioni delle principali novità editoriali umbre e non solo. Tra gli ospiti, alle 18 Cesare Sinatti presenterà il suo La splendente (Feltrinelli), Premio Calvino 2016. Intervengono Pierluca Neri e l’autore. Alle 19 incontro con le autrici Marilù Oliva (Le spose sepolte, edizioni HarperCollins), e Cristina Cassar Scalia (Sabbia nera, Einaudi editore), con la partecipazione del circolo di lettura della bct Il divano rosso. Infine alle 21 si confronteranno i tre autori umbri finalisti del Premio letterario FulgineaMente: Antonio Luna, con Le tre verità (Robin), Giacomo Marinelli Andreoli, con Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter (Marsilio), ed Eugenio Raspi, con Inox (Baldini e Castoldi).